«Ondeggio ramo di corallo»

scultura di C. Parlati

          

Ondeggio
                (ramo di corallo)
ad increspare
l’oscuro tuo
– imperturbabile fondo –

Tremiamo di luna
di accolto
silenzio.

Nell’inconscio
– lieve sfiorarci –
Vita rivela
il proprio Incanto.

Laura Chiarina

all rights reserved – 2014©

«Su giorni insolenti»

foto dal web

                          

Su giorni insolenti
e chiasso greve
                      Silenzio

(in un boato)
                  s’espanda
sopra il midollo
acerrimo

indifferenza
comprime l’innesto.

Laura Chiarina

all rights reserved – 2015©

«Nulla di prevedibile»

foto dal web

                           

Nulla di prevedibile
a parte la misura
d’ombra
arrampicata
sul dorso delle ore:
oggi manca sole
e manchi tu.

m’inebria dolcezza
d’un grigio sentire
come di fresca seta:

solitudine
scivolerà anch’essa

via
tracimando
senza furore.

Laura Chiarina

all rights reserved – 2014©

«Non sentire pur potendo ascoltare»

foto dal web

                  

Non sentire
pur potendo ascoltare
non vedere
pur potendo guardare.

Né scrostare dal sale
la voce
immobile
sulla riva del nulla.

Esistere
solo nei versi
– istanti incendiati –
offerti sull’ara
di perpetui tramonti.

Laura Chiarina

all rights reserved – 2014©

«Non ha indecisioni il buio»

foto dal web

                           

Non ha indecisioni
il buio
caparbio cola
ovunque s’insinua.

Anche il silenzio
stringe i pugni.

Luna, stelle
non insistete.

Questa notte
va bene così:
l‘attesa
nascosta sotto il moggio
non teme chimera.

Laura Chiarina

all rights reserved – 2014©

«Sospinta nel cielo quasi nero»

foto dal web

                           sospinta nel cielo
                                         quasi nero
– frammentato nei tuoi occhi –

è ritrovarmi
                          a tentoni
                     dentro un planetario
dove genera un idillio
                                      senza tempo
tra il mio smarrimento
          e l’ansia delle stelle spente

Laura Chiarina

all rights reserved – 2020©

«Nella tempesta»

foto dal web

                             

Nella tempesta
mi si diano variabili:

che io sappia reggermi
all’albero di maestra
fino a spezzare la prua
contro il costato
dell’ultimo orizzonte;

salsedine sia ambrosia
per il cuore
possa il cielo sopportare
lo stemperarsi
del molto che rimane.

Laura Chiarina

all rights reserved – 2014©